Fuerteventura non è un paradiso fiscale

Fuerteventura non è un paradiso fiscale

Sono tante le persone che sono convinte che le Isole Canarie, compresa Fuerteventura, siano un paradiso fiscale e non si pagano le tasse.

Anche se Fuerteventura geograficamente è vicina al continente africano, è un’isola che fa parte della Spagna e rientra comunemente nella Comunità Europea.

Come in tutti i paesi della Comunità Europea, anche la Spagna e di conseguenza le Canarie, hanno un proprio regime fiscale da rispettare.

Se l’idea di trasferire la propria Società o creare una nuova attività a Fuerteventura è legata in qualche modo all’idea del fantomatico paradiso fiscale, rimarrete profondamente delusi.

Fuerteventura non è un paradiso fiscale ma gode di ottime agevolazioni fiscali per tutti coloro che decidono di investire in questa isola.

 Il regime fiscale delle Canarie è molto appetibile in quanto permette di detassare tutto quello che si investe nella propria attività.

La figura di Autonomo o Libero professionista

Quando parliamo di nomadi digitali, smart working o facciamo riferimento ai tanti coworking che spuntano come funghi a Fuerteventura, ci colleghiamo alla figura di autonomo o libero professionista.

Con l’avvento della pandemia, che ha mescolate un po’ tutte le carte in gioco, il numero di liberi professionisti a Fuerteventura è aumentato esponenzialmente.

Non stiamo parlando di attività come ristoranti, pizzerie o negozi di souvenir ma di webmaster, seo, web developer, copywriter, freelance e fotografi, che lavorano da remoto.

Fuerteventura è stata la prima isola nella Comunità Europea a spingere sull’acceleratore del mondo digitale e dare la possibilità a professionisti di tutta Europa di mettersi in gioco.

Complice il clima, la connessione Internet stabile e veloce, i costi più bassi della vita e la semplicità di vivere sull’isola di Fuerteventura, gli autonomi e le aziende iniziano a fare numeri importanti.

Numeri importanti soprattutto se parliamo del Regno Unito, Italia, Germania e paesi del Nord, dove la vita e la tassazione hanno costi decisamente diversi.
Libero professionista a Fuerteventura

Quanto paga di tasse un lavoratore autonomo?

Un lavoratore autonomo che si trasferisce sull’isola di Fuerteventura, può beneficiare di diversi vantaggi fiscali che lo stato Spagnolo mette a disposizione.

Gli importi elencati, sono indicativi e servono a  capire l’entità delle tasse da sostenere per tutte le figure che vogliono svolgere la figura di libero professionista a Fuerteventura.

Il primo passo consiste nella registrazione come lavoratore autonomo in Spagna per la prima volta (devono essere trascorsi almeno due anni se è stata già effettuata una precedente registrazione).

Non devono pervenire debiti contratti in precedenza verso Hacienda (Certificado Negativo de Hacienda) o Seguridad Social (Inps in Italia) al momento dell’iscrizione.

Per il regime forfettario (tarifa plana de autónomos) si richiedono i seguenti importi per i primi due anni:

  • 60€ al mese per il primo anno
  • nei sei mesi successivi 143€
  • nei restanti mesi circa 200€ al mese

Possono beneficiare di altri 12 mesi addizionali con uno sconto del 30% gli under 30 e le donne under 35.

Si consiglia di rivolgersi ad un professionista del settore per avere gli importi aggiornati o nuovi benefici che le isole Canarie riservano a queste figure.

Iscriviti al Gruppo "Vivi Fuerteventura" per rimanere sempre aggiornato.