Isole Canarie, più foschia, ma suoli più arricchiti

Isole Canarie, più foschia, ma suoli più arricchiti

Si annuncia che nel futuro tutte le Isole Canarie avranno più foschia ed una peggiore qualità dell’aria, ma suoli più arricchiti.

Un’analisi preparata dai ricercatori delle università di La Laguna e Malaga afferma che la polvere sahariana arricchisce la terra di plutonio.

La presenza costante di questa polvere ha conseguenze negative per l’aria che possono aggravare i problemi di salute delle persone con malattie croniche o respiratorie.

Tuttavia, secondo uno studio preparato e pubblicato a febbraio 2023 si suggerisce che queste particelle arricchiscono i suoli con isotopi di 137Cs e plutonio.

Secondo l’Università di La Laguna, questo tipo di ricerca è importante in quanto gli avvertimenti sulla polvere sospesa di origine sahariana stanno diventando più frequenti.

Sebbene i casi studiati siano durati pochi giorni, l’impatto radiologico segnalato suggerisce che questo tipo di evento estremo potrebbe avere un forte impatto ambientale.

Le Isole Canarie dovranno convivere con più foschia ed una peggiore qualità dell’aria, ma con suoli più arricchiti, dovuto anche al cambiamento climatico.

Le informazioni raccolte suggeriscono un continuo processo di arricchimento di isotopi di 137Cs e plutonio nei suoli delle aree riceventi.

In ogni caso, i campioni di aerosol analizzati dal centro universitario delle Canarie per il momento non rappresentano alcun rischio radiologico per la popolazione.

Tra i mesi di dicembre 2023 e febbraio 2024 si è notato un clima anomale a Fuerteventura ed in tutte le Isole Canarie:

  • hanno registrato l’inverno più caldo dal 1961 con una media di 17,7º C
  • temperature anomale in questo periodo dell’anno, in quanto 2,5º C sopra la norma
  • mesi caratterizzati dalla costante presenza di foschia 
  • mancanza di precipitazioni

Iscriviti al Gruppo "Vivi Fuerteventura" per rimanere sempre aggiornato.